Programma didattico  CORSO DI VIOLINO CLASSICO E WORLD

Il Corso di Violino è strutturato in modo da far acquisire ad ogni allievo le abilità e le conoscenze teoriche indispensabili per imparare a suonare il violino, attraverso una buona pratica musicale, un approccio completo e multidisciplinare con particolare attenzione agli aspetti di tecnica, metodo e sonorità.

Offrendo diverse metodologie didattiche in base alle caratteristiche individuali, il corso di violino si rivolge ad allievi di tutte le età ed è costruito sulla base delle esigenze e delle capacità dell’allievo che vuole iniziare e/o continuare lo studio di questo strumento.

Fin dal primo momento, viene rivolta particolare attenzione alla cura del suono poiché spesso è la discriminante che può determinare la disaffezione allo strumento. Un buon suono invece può essere lo stimolo giusto ad affrontare le altre sfide che il violino ci riserva. 

Parallelamente allo studio della tecnica e del repertorio violinistico classico, a richiesta dell’allievo, potrà essere affrontato lo studio di repertori di musica tradizionale (francese, bretone, irlandese).

Le principali tematiche trattate durante il corso saranno:

  • Conoscenza ed uso delle diverse intensità di suono: colori musicali e dinamiche quali il “forte” e il “piano”, il “crescendo” e il “diminuendo”
  • Tecnica delle corde doppie
  • Colpi d’arco: “alla corda”, lo staccato, il legato, il balzato    
  • Impostazione graduale della mano sinistra nelle differenti “posizioni”
  • Passaggi di “posizione”
  • Scelta delle diteggiature
  • Uso del “vibrato” per mettere in risalto il suono espressivo dello strumento (mano sinistra)
  • L’agogica musicale: cambiamenti di ritmo all’interno di un brano
  • Il pizzicato
  • Applicazione delle diverse tecniche man mano studiate a brani di diversa natura compresi quelli di repertorio con difficoltà progressiva
  • Solfeggio e teoria musicale

REPERTORI:

Repertorio violinistico classico: dal violino barocco alla musica contemporanea

Repertori Tradizionali:

  • Introduzione al violino nella musica tradizionale irlandese
  • Introduzione al violino nella musica da ballo (francese, bretone)
  • Il violino nella musica da ballo del centro-sud della Francia (livello intermedio – avanzato)
Il curriculum dell'Insegnante

Francesco Monti,

si avvicina fin da giovanissimo allo studio del violino e della cornamusa.

Sotto la guida del Maestro Michele Tisei conclude da privatista il percorso istituzionale di violino e contestualmente intraprende lo studio della viella, della ribeca e della musica antica e tradizionale. Segue dal 2008 al 2012 i corsi di viella del Maestro Giordano Ceccotti (Ensemble Laus Veris, Ensemble Micrologus), approfondendo in particolare la tecnica esecutiva del repertorio del ‘300 italiano, presso “Accademia Resonars” di Assisi.

Nello stesso periodo perfeziona la tecnica tradizionale della Musette, in Italia in particolar modo studia con il maestro Walter Rizzo (La Piva dal Carner, Musica Officinalis) e partecipa a numerosi corsi e stage in Francia.

Inoltre studia musica tradizionale irlandese per diversi anni con il maestro Marco Fabbri e nell’estate del 2011 soggiorna alcune settimane presso il violinista Paul Bradley, a Galway, dove ha modo di apprendere in maniera approfondita la tecnica esecutiva del violino irlandese.

Parallelamente sviluppa un forte interesse per la musica non europea in particolar modo quella del vicino oriente. Dal 2012 studia il Kabak Kemane -Kemencheh- (trad. turco), segue i seminari di musica araba del Maestro Jamal Ouassini e partecipa ad un laboratorio di musica ottomana a cura del polistrumentista Peppe Frana (Ensemble Micrologus, , Vinicio Capossela).

Nel Gennaio 2017 si laurea con lode in Relazioni Internazionali presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma.

ESPERIENZE PROFESSIONALI

Da diversi anni insegna violino, cornamusa teoria musicale in scuole di musica e privatamente e tiene corsi di musica di insieme con allievi di tutte le età. Si avvale del metodo realizzato dal Maestro Michele Tisei “Il Gioco Violino” per gli allievi più giovani.

Dal 2009 al 2013 è stato membro stabile dell’orchestra “Gli Archi della Rosa” del Maestro Michele Tisei.

Aperto a ogni genere di sperimentazione e contaminazione musicale è stato componente del trio industrial “The Revolution of Darkness” con cui si è esibito nei più rinomati locali dell’underground romano e con il quale nel 2009 ha inciso il CD di debutto presso il Morphing Studio di Bologna, prodotto da Cristiano Santini (Disciplinatha, CSI,Battiato, LunacyBox).

Dal 2010 è primo violino della “Orchestra Popolare Romana” con cui ha realizzato numerosi lavori sulla cultura yiddish e ebraica in genere come:

“Fiabe e Musica per Hanukkah” lezioni-concerto nelle scuole del quartiere ebraico di Roma (2011); “Il Favoloso Mediterraneo” eseguito in numerosi teatri romani e più volte nel carcere di Rebibbia con la partecipazione dello sceneggiatore attore e regista Fabio Cavalli (“Cesare non deve morire”); “Il Violinista sul Tevere”, recital concerto ambientato nella Roma di fine ‘800, messo in scena tra il 2013-2014 presso il Teatro Petrolini di Roma, la Galleria d’Arte Moderna e il Centro di Cultura Ebraica e a cui il programma Rai “Sorgenti di Vita” ha dedicato una puntata andata in onda il 20 Aprile 2014;

“Dalla città dolente” presentazione dello spettacolo del gruppo di teattro di Rebibbia.

Collabora con l’ensemble di musica medievale “Il Gregge di Titiro” con cui ha realizzato nel 2005 il cd “Forza Accorrete Gente” registrato da Adolfo Broegg (Ensemble Micrologus) presso gli studi Juke Box di Perugia. Tra le molteplici esibizioni si segnala: “Palio del Daino” Mondaino (2007); “Giornate dell’Artigianato Storico”, Città di Castello (dal 2005 ad oggi); “Giornate medievali”, Repubblica di San Marino (2011-2013), “Medioevo nel Borgo”, Rocca Tederighi (2005 ad oggi); serata di consegna del “Federichino d’oro” della Fondazione Federico II Hohenstaufen Di Jesi il 29 Gennaio 2011.

E’ inoltre componente stabile dell’Ensemble Il Rondello, gruppo di musica medievale e rinascimentale formatosi nel 2010 in senso all’Ass. Culturale “Il Rondello”, con cui nel 2011 ha inciso il disco “Alia Carmina” (Sifare edizioni musicali), lavoro realizzato con la collaborazione del polistrumentista Peppe Frana e del percussionista di fama internazionale Andrea Piccioni (Yar Ensemble, Tamburello Cafè, Les Hault et Le Bas).

Con l’ensemble si esibisce itinerante in importanti festival e feste di ricostruzione storica. Parallelamente il gruppo si impegna in una densa attività concertistica. Tra le molteplici apparizioni: Concerto a Le Monacelle (Matera 2010), Spettacolo itinerante e Concerto di musica Sacra (Alfedena 2012), “Regi Regum” recital concerto (Basilica di San Pancrazio, Roma 2012- 2013), Alia Carmina (Teatro Vascello 2012-2013, Libreria L’Universale 2014, Castello di Ceri 2014, Villa Tuscolana, Frascati, per Ass. Agimus 2017).

Nel Luglio 2014 ha partecipato in qualità di musico di scena alle riprese del film-tv “Francesco” della regista Liliana Cavani andata in onda nell’autunno dello staesso anno.

Nel Novembre 2015 partecipa con l’ensemble al completo alle riprese de “I Medici” fiction Rai in onda nell’autunno 2016.

Nel 2017 l’ensemble prende parte alle riprese della seconda stagione della stessa fiction collabora in qualità di consulente per le musiche e per le coreografia di diverse scene.

Nell’estate del 2017 registra i brani della colonna sonora del film di animazione digitale indipendente “Decameroscopio” presentato in diversi festival internazionali di cinema indipendente.

Nel Marzo 2018 appare come musico in una scena della miniserie il “Nome della Rosa” andata in onda sulla RAI.

Nel 2009 entra nel gruppo OnyDanse (ex “De Li Soni e De Li Balli), ensemble che propone un repertorio di musica tradizionale da ballo che spazia dalle danze italiane (umbre, tosco-emiliane, piemontesi, ecc.) a quelle del folklore europeo in genere. Il crescente interesse per le danze popolari, principalmente quelle del centro-sud della Francia e della Bretagna, ha permesso  al gruppo di esibirsi in numerosissime occasioni e a porsi come punto di riferimento nel panorama delle danze francesi e nord europee.

Tra le varie esibizioni: Festival “Contaminazioni” a cura della Scuola Popolare di Musica di Testaccio (Macro, 2009), Concerto di apertura della Festa della Cultura di Garbatella (edizioni 2011-2012 a cura dell’ass. Controchiave), Stage di danze e Concerto a Ballo presso il teatro dellaBasilica di San Pancrazio (2011), Musica Tradizionale alla Città dell’utopia (2011-2012), Concerto a Ballo presso teatri: “San Lorenzo” (2011), Centrale Preneste (2012). Festa del Lavoro di Trastevere (2012-2013), Cava dei Selci concerto di apertura del festival Bovillestate (2012), “Il canto dei popoli popoli dalla Bretagna all’Occitania” presso l’associazione “Altrevie” (2013), concerto di presentazione disco del gruppo Bluereed (2013), Concerto a Ballo al Cip (2014), collaborazione al tour italiano dell’organettista francese Philippe Plard (2014), FairyLands Celtic Festival (2014), City of Rome Celtic Festiva (2014), Calcata Celtic Festival (2014), On y Danse à Garbatella (Maggio 2015, Gennaio 2016), collaborazione al tour italiano dei Naragonia, Roma Folk Fest (2017).

Dalla primavera del 2015 inizia la collaborazione con l’Ensemble Invisibile formazione di musica a ballo diretta dal Maestro Raffaele Mallozzi con cui si esibisce in più occasioni alla scuola di musica di Testaccio, alla festa della musica di Garbatella e nei principali eventi balfolk di Roma e dintorni. Con questa formazione si esibisce in numerosi locali e nei principali festival di musica da ballo di Roma. Nel 2019 prende parte alla registrazione del primo cd dell’ensemble interamente dedicato alla musica da ballo.

Nel 2016 fonda con l’organettista Madana Marco Rufo l’ensemble Calimero, formazione neo trad con evidenti contaminazioni Swing e Manouche, con cui si esibisce nei principali folk fest romani e italiani (Calcata Folk Fest 2016, Morimondo Folk Fest 2017, Roma Folk Fest II Edizione, 2017, Fleur du Balfolk 2016-2017, La Vie en Folk dans la Capital: rassegna internazionale di concerti a ballo di danze francesi 2017).

Nello stesso anno fonda l’organizzazione eventi “Vicoli Folk – Eventi a Roma” con cui realizza in due anni di attività numerose rassegne di concerti balfolk con artisti italiani e internazionali (Trio Abrégé, Parapente700, I Fratelli Tarzanelli, Naragonia, Les Zeoles, Duo Montanaro-Cavez, Parasol,), contribuendo in maniera significativa alla diffusione della musica tradizionale da ballo francese e nord europea a Roma. Con Vicoli Folk organizza il Calcata Folk Festival e le due edizioni del Roma Folk Festival (2017 e 2018) in cui si sono esibiti alcuni dei  omi principali della scena italiana ed europea del Balfolk come: Andrea Capezzuoli e Maddalena Soler (Lombardia) , i Bilfolk (Piemonte), il Duo D’Altrocanto (Veneto), Le Matrioske (Sicilia), Marie Constant (Francia), Philippe Plard (Francia) e Eva Parmenter (Portogallo).

l'insegnante sul web

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat.

Pianeta Social

Condividi

PRENOTA la tua LEZIONE di PROVA ON-LINE, i posti sono soggetti a disponibilità

Condividi